L'idea del blog "diffuso"

In questo primo articolo proverò a descrivere l'idea, il concept, di quello che ho chiamato "blog diffuso" e di come penso di poterlo realizzare.
di Simone "Magicianred" Paolucci [[email protected]] - 08/08/2011 21:00

Wiball on mouse
Licenza Creative Commons
Wiball on mouse by Elisa Ragni is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at Elisa Ragni - Pagina Facebook.

Come accennavo già nella home del sito, l'idea di un blog "diffuso" mi è venuta mentre parlavo con amici di facebook, twitter e google+, e di tutti gli altri social network che stanno spopolando sul web e fanno molti affari con la pubblicità che riescono ad incorporare (alcuni diventando i nuovi big dell'economia mondiale).

Nel suo blog, Beppe Grillo, ci spiega molto bene che utilizzando Facebook & Co perdiamo il controllo e la "proprietà" delle nostre identità digitali e dei dati che inseriamo all'interno.
Nella puntata di Report, inoltre ci viene illustrato, come in questi social network si fanno di tutto ciò che scriviamo, delle nostre preferenze e quant'altro, indagini di mercato acquistate (o richieste) da aziende su cui poi creano prodotti o strategie di marketing ritagliate su misura per noi.
E tutto ciò ci porterebbe inesorabilmente a parlare di cloud computing (la nuvola), delle sue potenzialità, ma soprattutto dei rischi che può comportare per noi, ma senza dilungarmi troppo vi invito alla lettura di un'intervista a Richard Stallman.

Ovviamente, quanto detto, è un modo di fare business (tra l'altro di successo) e chi lo accetta deve sottostare a queste regole, siamo ospiti a casa loro ed è inutile indignarci se ci cancellano articoli, immagini e commenti.
Dovremmo solo dire grazie perché ci offrono questi strumenti di condivisione di cui molti non possono farne più a meno.

Che fare se mi voglio ribellare a tutto questo?

Per ribellarsi a questo non bisogna fare campagne e proclami sui social network accusandoli di metodi autoritari, censura e quant'altro, come dicevo siamo ospiti a casa loro.
Possiamo più semplicemente fare un passo indietro e tornare agli ormai antiquati, per alcuni, (we)blog.
Il punto però è che poi nei blog non abbiamo a disposizione alcune caratteristiche che i social network hanno e con i quali hanno fatto la differenza, vediamone alcuni:

Come può il blog "diffuso" creare un'alternativa?

Ho pensato quindi come alternativa si potrebbe ritornare ai blog, con l'aggiunta, però, di alcuni ingredienti, appunto la "diffusione".
Ancora l'idea è poco più di un'abbozzo.. ci devo ancora lavorare su un po'.. pensarlo meglio..
ma potrei indicare in alcuni punti come propongo di affrontare questa "diffusione":

Questo per il momento è quanto ho pensato e mi sono proposto di fare.
Sarebbe interessante sapere il tuo parere, le tue critiche e magari dei suggerimenti, al momento la funzionalità dei commenti non è disponibile, ma ho predisposto un forum (L'idea di blog "diffuso") per discutere di questo. Vi apetto.

simone

Condividi il post con i tuoi amici: Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su Google


Ospitato dai server Altervista.org

Banner pubblicitario di Altervista.org

Siti Informatici:

Segui il progetto su:

Seguimi su:

Support Wikipedia